Sedie di tendenza, come sceglierle

Sedie di tendenza per il nuovo anno, come scegliere materiali e colori

Scegliere le sedie per l’arredamento della casa può risultare tutt’altro che semplice, visti i tanti fattori da prendere in considerazione quali funzionalità, comodità, ergonomia, ecc. Se in passato era pratica comune acquistare set completi che comprendevano tavolo e sedie, oggi è abbastanza usuale che questi vengano acquistati separatamente. Bisogna tener presente che non tutte le sedie sono pensate e sono adatte per qualsiasi ambiente. Ci sono sedie prettamente per l’ufficio, per la cucina o per il salotto. Bisogna inoltre considerare il ruolo fondamentale che gioca il tavolo cui vengono abbinate. Se il tavolo di per sé è importante o lo si vuole mettere in risalto, è giusto optare per delle sedie dal design sobrio. Se invece il tavolo ha un design semplice, abbinargli sedie più originali potrebbe rivelarsi un’ottima idea. Come noto, le sedie possono essere disponibili in diversi modelli: con braccioli, senza braccioli, con struttura a slitta, a 4 gambe e via dicendo. Un fattore da non trascurare è l’altezza della seduta, che incide inevitabilmente nella scelta del tavolo e quindi anche dell’ambiente in cui andiamo a posizionarlo.

 

 

 

 

Struttura in metallo, rivestimento in legno. Anais è uno dei nostri modelli più ricercati

I materiali: la struttura

Dopo questa doverosa premessa, veniamo quindi ai materiali. Negli ultimi anni, per via delle esigenze di mercato, sono stati introdotti diversi nuovi materiali per la struttura delle sedie. Tuttavia il legno rimane quello più utilizzato per la produzione di complementi d’arredo. Si tratta di un materiale poliedrico, capace di rispondere a diverse necessità stilistiche e di abbinarsi bene a qualsiasi tipo di rivestimento per le sedie.

Oltre al legno, per la struttura delle sedie si impiegano molti altri materiali come i metalli (acciaio, alluminio, ferro) oppure materiali plastici come il polipropilene, molto resistente alle intemperie e alle temperature esterne. Per questa ragione lo si predilige nella realizzazione di sedie da giardino o che comunque sono destinate ad uso esterno (piscina, terrazza). Menzioniamo tra gli altri materiali plastici anche il policarbonato, materiale leggero e resistente. Grazie al colore trasparente permette di realizzare sedute che siano leggere e sobrie, perfette soprattutto per essere ambientate in cucina oppure in locali come bar e ristoranti.

Tra i materiali lignei citiamo il melaminico e il laminato. Si tratta di derivati del legno con peculiari specificità. Il laminato ha uno spessore maggiore rispetto al melaminico ma sono entrambi materiali longevi e resistenti. Il melaminico, pur essendo meno spesso, è molto resistente ai graffi e all’usura. Il laminato è resistente all’usura, agli urti, all’acqua e non cambia colore.

Vilma, una delle nostre sedie in metallo

I colori

Nell’ultimo biennio si è assistito ad una massiccia promozione e valorizzazione dei colori accesi (arancione, verde, azzurro, ecc…), in parallelo alla sponsorizzazione di stili d’arredamento più moderni e industrial in cui questi trovano più facile collocazione. Inutile dire che per i colori delle sedie è necessario rifarsi a quelli dell’ambiente in cui andiamo ad inserirle; tuttavia, non possiamo fare a meno di sottolineare come i colori neutro siano sempre i più indicati per sedute eleganti, magari in eco-pelle, mentre colori scuri come il marrone o l’antrace riescano sempre a dare quel tocco di calore in spazi in cui si cerca un arredamento vintage.

Itaca, seduta morbida in ecopelle, disponibile in bianco o nero
Tutti gli articoli

Articoli che potrebbero interessarti

Prodotti correlati